Ci sono state molte pubblicazioni, articoli e pagine web che trattano l'interessante argomento di come i siciliani si sono radicati nella valle di Brazos, a partire da Highbank. Abbiamo fornito alcune risorse di ricerca per iniziare!

Per favore guarda questa pagina mentre creiamo una libreria di risorse per te nei prossimi giorni!

Sentiti libero di inviare un'e-mail per informazioni o se hai qualcosa che vorresti includere in questa pagina all'indirizzo:

Poggioreale.inamerica@yahoo.com

Highbank è una piccola comunità agricola stabilita vicino alle rive del fiume Brazos a circa 5 miglia a ovest di Reagan, in Texas, da alcuni sostanziosi pionieri negli anni '50 dell'Ottocento. I primi coloni documentati includevano la famiglia Lynn e John e Martha Dupree.

La famiglia Lynn si stabilì nella Highbank Community prima del 1855 e acquistò terreni dopo la guerra civile. Questa terra è ora lavorata e di proprietà dei discendenti di quarta generazione della famiglia Lynn. Jesse G. Dupree (nato il 29 novembre 1860 e morto il 16 gennaio 1937) era il figlio di John e Martha Dupree, schiavi della Carolina del Sud, che arrivarono a Highbank dopo il 1870. Jesse acquistò cento acri di terra e gestì il grist mulino sull'insenatura di Highbank a Highbank.


James Falsone, il figlio di Jim Falsone, e alcuni dei suoi cugini hanno riferito di aver trovato una grande pietra rotonda a Highbank Creek dietro la casa di sua nonna alla fine degli anni '50. Hanno portato la pietra al negozio di suo padre (Jim Falsone era un ex direttore delle poste e proprietario di un negozio a Highbank) e un uomo ha detto ai ragazzi che era la macina di un mulino).

Immigrati da Poggioreale, Sicilia:

Molti dei primi coloni di Highbank potrebbero far risalire le loro radici a Poggioreale, in Sicilia, una città gravemente danneggiata da un terremoto nel 1968 e completamente abbandonata. Una nuova città è stata costruita a un paio di miglia di distanza dall'insediamento originale. Il borgo originario fu fondato nel Settecento e denominato Poggioreale, che si traduce in "collina reale".

Molti dei coloni di Highbank provenivano da Poggioreale, Sicilia e da altri villaggi e città circostanti in Sicilia, Italia. Poggioreale era l'ex casa di molti dei primi coloni di Highbank, tra cui le famiglie Falsone, Guida (Weido) e Falco. Altri coloni provenivano da piccole città dentro e intorno a Poggioreale come Alcomo e Palermo. Negli anni 1870 e 1880, un'ondata di immigrati dalla Sicilia (grande isola vicino alla punta dell'Italia) aumentò la popolazione dell'insediamento di Highbank a oltre 300. Questi primi coloni viaggiavano su carri, carrozze, a cavallo e Ford Modello T da i porti di New Orleans e Galveston fino alle rive del fiume Brazos vicino a Highbank.


Secondo Mary Lena (Salvato) Hall, "Mio nonno Carlo Salvato morì il 22 novembre 1949 all'età di 82 anni. Nacque in Italia il 2 novembre 1867. Venne negli Stati Uniti con suo fratello Frank Salvato . Le due famiglie hanno acquistato la fattoria Rogers che ha dato vita alla comunità agricola italiana a High Bank. È sepolto a Marlin, TX. Aveva cinque figli, Tony Salvato, Frank Salvato, Ross Salvato, Nick Salvato e Carlo Salvato tutti sono sepolti a Marlin tranne Tony Salvato che seppellì a Houston. Quattro figlie Lula Lewis, Pauline Vetrano, Fena Rao e Mary LaPagelia sono tutte morte e sepolte a Houston. Sono venute dalla Louisiana e Tony Salvato è nato a Luling Louisiana. "

L'influenza italiana può ancora essere vista con cognomi italiani che compaiono sulla maggior parte delle cassette postali dell'area !.
Famose famiglie italiane nell'area di Highbank un tempo includevano la famiglia Salvato, la famiglia Alfano, la famiglia Barbera e LaBarbera, la famiglia Burresha, la famiglia Cangelosi, la famiglia Catalano, la famiglia Corpora, la famiglia Falco, la famiglia Falsone, la famiglia Margoitta famiglia, la famiglia Martino, la famiglia Parrino, la famiglia Salvaggio e altri.

Italiani della Valle del Brazos dal 1880

Esso Alians cominciato ad arrivare nella valle Brazos bassa già a partire dalla metà del 1870, quando alcune famiglie si stabilirono nei pressi di Bryan. Gli uomini d'affari in quella zona avevano da tempo pubblicizzato sui giornali europei che gli immigrati venissero ad aiutare a rivitalizzare l'economia locale. Gli italiani non iniziarono a rispondere in numero fino al 1880 circa. Quelli che arrivarono provenivano principalmente dalla Sicilia impoverita. O raccolsero campi di zucchero della Louisiana o lavorarono per azioni nell'area di Bryan fino a quando non accumularono abbastanza soldi per comprare le proprie fattorie. Hanno acquistato un terreno soggetto a inondazioni nei fondali di Brazos tra Hearne e Bryan. I primi coloni, compresi tedeschi e cechi, l'avevano evitato, ma gli italiani erano disposti a giocare d'azzardo con il disastro in cambio di terreno fertile che normalmente avrebbe prodotto raccolti abbondanti.

 

Hanno perso gravemente nel 1899 e di nuovo nel 1900, quando devastanti inondazioni hanno colpito la regione, ma la maggior parte degli immigrati ha resistito. Nel 1890 la contea di Brazos aveva una delle più grandi concentrazioni di agricoltori italiani negli Stati Uniti. Nel 1905 l'ambasciatore italiano visitò il Texas e gli fu detto che Bryan aveva 3.000 dei suoi connazionali e che i cittadini avrebbero voluto che fossero dieci volte quel numero. Molto presto JM Saladiner e altri leader organizzarono l'Agricultural Benevolent Society per aiutare gli immigrati appena arrivati, ma il gruppo sponsorizzò anche l'istruzione sui più recenti metodi di coltivazione e conservazione del suolo.

Nel 1910 anche le contee adiacenti di Burleson e Robertson avevano un numero significativo di residenti italiani. Per la maggior parte, i terreni agricoli di questi primi arrivati ​​italiani sono stati mantenuti nelle mani della famiglia. Le cassette postali rurali riflettono nomi come Cotropia, De Stefano, Ferrara, Perrone, Restino, Varisco, Scardino e Salvato. I leader aziendali e civici a Bryan e Hearne includono anche persone con cognomi italiani. Ma l'identità culturale va poco oltre; la generazione più giovane non ha familiarità con la lingua italiana e non osserva le usanze del Vecchio Mondo. Non resta che la lealtà alla religione cattolica romana e la tradizionale cena a base di spaghetti della domenica.

Negozio di Steele, Texas

CASA SUL FONDO DEL FIUME ...

Steele's Store, si trova all'incrocio tra le strade agricole 50 e 1687, sulla Southern Pacific Railroad undici miglia a ovest di Bryan, nella contea di Brazos, molto occidentale. L'area fu colonizzata nel 1860 e divenne nota come Mudville per il fango comune a questa pianura alluvionale dei fiumi Brazos e Little Brazos. Nel 1878 un ufficio postale, chiamato Steele's Store, fu aperto nel negozio di proprietà di Henry B. Steele, e i nomi Steele's Store e Mudville sembrano essere stati usati in modo intercambiabile dai residenti locali, con Mudville a volte riferito alla più ampia area rurale servita da la comunità. Secondo alcune fonti la popolazione era nera per tre quarti in questo momento. Steele's Store è ora noto come Mudville, Texas.

Molti italiani stavano coltivando nella zona. Nel 1884 lo Steele's Store aveva una popolazione stimata di 150 persone e due chiese, tre gin di cotone, un mulino a vapore e due magazzini generali. La comunità divenne una stazione della Hearne and Brazos Valley Railway nel 1891 e nel 1896 reclamò una popolazione di 350. Nel 1904 una scuola per bianchi allo Steele's Store aveva sessantotto alunni e un insegnante. Nel 1930 la comunità comprendeva circa 300 abitanti e quattordici imprese. Nel 1940 aveva una chiesa, una scuola, quattro attività commerciali e un certo numero di abitazioni sparse. L'ufficio postale chiuse nel 1950 e la scuola si era consolidata con Bryan negli anni '60. Nel 1988 la comunità aveva un numero di abitazioni sparse ed è stata designata Mudville sulle mappe. Nel 1992, la Texas Historical Commission ha posto un indicatore storico nel sito.

Fonti:

Rosemary DePasquale Boykin, The Italians of Steele's Store, Texas (Nacogdoches: Ericson, 1993).

Glenna Fourman Brundidge, Brazos County History: Rich Past-Bright Future (Bryan, Texas: Family History Foundation, 1986).

Elmer Grady Marshall, Storia della contea di Brazos (tesi di laurea magistrale, Università del Texas, 1937).

Mark Odintz, "MUDVILLE, TX," Handbook of Texas Online. Pubblicato dalla Texas State Historical Association.

sansalvadormission.jpg