Una sintesi della storia di Poggioreale

Nota del redattore: questo articolo è in costruzione. Restate sintonizzati per gli sviluppi.

Nel 1642, sotto il dominio spagnolo dell'Italia e della Sicilia, iniziò la vita di una nuova comunità nell'isola di Sicilia alla quale fu dato il nome di "Poggioreale". Sorse sotto papa Urbano VIII durante il regno di Sua Maestà Filippo IV di Spagna, Re di Napoli e Sicilia.

Agli albori Poggioreale non era una città; era più una piccola e attraente comunità. È stato scritto da più storici che il suo nome è stato scelto per riflettere la sua posizione geografica e la sua bellezza. "Poggio" significa piccolo in riferimento alla piccola montagna, e "reale" significa reale. Questi nomi riflettono la sua posizione ai piedi dello storico Monte Elimo, ora chiamato Monte Castellaccio, che permette di godere di un ampio panorama che, con la sua varietà di suoli e di agricoltura, presenta una magnifica bellezza naturale per soddisfare gli occhi di un re. Per coloro che hanno visitato le rovine di Poggioreale in tempi moderni, mentre si osserva il terreno sotto il paese, la vista dall'alto offre ancora una bella vista collinare che è strutturata con motivi colorati di piantagioni agricole che è semplicemente sbalorditiva. Ti imploriamo di visitare per te stesso e di riempire la tua anima con le opinioni di cui i nostri antenati godevano ogni giorno della loro vita.

Le prime case di Poggioreale wee costruite a due terzi dell'altezza della montagna, in una zona dove il terreno è relativamente pianeggiante e leggermente in pendenza sui lati destro e sinistro. Nella fase iniziale della costruzione del paese, il marchese de Gibellina costruì 200 case in mattoni per i nobili. In questa suggestiva località l'altitudine è di 400 metri sul livello del mare; il clima è mite e in inverno c'è poca grandine, neve o temperature gelide. Il Monte Castellaccio protegge il paese da elementi più gravi.

La città è collegata alla nobile famiglia Morso / Naselli i cui nomi erano importanti nei tribunali di Spagna, Napoli e Sicilia. A questa famiglia fu dato il permesso di costruire case per i nobili; di conseguenza, il signor marchese D. Francesco M. Morso ordinò la costruzione di case sul piano superiore, sotto la collina, e diede il nome come sopra descritto. Nel 1643 il re Filippo IV elevò questo insieme di case allo status di principato al marchese Morso in riconoscimento per il suo ruolo nel promuovere la costruzione della nuova città.

Gli scrittori storici raccontano che il paese era diviso in quattro tronconi, attraversati da ovest a est dalla via Umberto I (un tempo chiamata Aragona) che è intersecata da nord da via Castellazzo ea sud da via Passo D'Antoni. Piazza Elimo fu costruita come un rettangolo leggermente inclinato a sud e misurava 61,5 per 32,5 metri, fiancheggiata da case attraenti e con 4 sbocchi alle strade sui lati est e ovest. Gli edifici furono aggiunti nel corso di molti decenni e secoli; Aloisio ha scritto molto sui vari edifici che furono costruiti a Poggioreale fino alla pubblicazione del suo libro nel 1956, e discute

Fino alla fine di agosto 1875 i morti furono sepolti nella chiesa. Il Monastero dei Cappuccini aveva un giusto e vero e proprio sepolcro in una grande stanza che fiancheggiava il nord della chiesa. Nella Matrice furono sepolte nella camera sotto il pavimento della navata le chiese del Purgatorio, di Gesù e di Maria e dell'Adorazione dei defunti. Quell'anno, il Consiglio comunale decise di creare un cimitero cittadino. La prima sepoltura nel nuovo cimitero ebbe luogo il 1 ° settembre 1875. Negli anni 1879-1902, la costruzione di un nuovo cimitero fu votata, ma si trascinò fino all'inizio della costruzione. 1908; non fu rinnovato fino al 1955.

E così Poggioreale continuò la sua florida vita fino al devastante terremoto del 1968.