Italiani della Valle del Brazos, dal 1880

flood36gin.jpg

Coloni in attesa di caricare balle di cotone sul treno

Gli italiani iniziarono ad arrivare nella bassa valle del Brazos già a metà degli anni 1870, quando alcune famiglie si stabilirono vicino a Bryan. Gli uomini d'affari in quella zona avevano da tempo pubblicizzato sui giornali europei che gli immigrati venissero ad aiutare a rivitalizzare l'economia locale. Gli italiani non iniziarono a rispondere in numero fino al 1880 circa. Quelli che arrivarono provenivano principalmente dalla Sicilia impoverita. O raccolsero campi di zucchero della Louisiana o lavorarono per azioni nell'area di Bryan fino a quando non accumularono abbastanza soldi per comprare le proprie fattorie. Hanno acquistato un terreno soggetto a inondazioni nei fondali di Brazos tra Hearne e Bryan. I primi coloni, compresi tedeschi e cechi, l'avevano evitato, ma gli italiani erano disposti a giocare d'azzardo con il disastro in cambio di terreno fertile che normalmente avrebbe prodotto raccolti abbondanti.

Hanno perso gravemente nel 1899 e di nuovo nel 1900, quando devastanti inondazioni hanno colpito la regione, ma la maggior parte degli immigrati ha resistito. Nel 1890 la contea di Brazos aveva una delle più grandi concentrazioni di agricoltori italiani negli Stati Uniti. Nel 1905 l'ambasciatore italiano visitò il Texas e gli fu detto che Bryan aveva 3.000 dei suoi connazionali e che i cittadini avrebbero voluto che fossero dieci volte quel numero. Molto presto JM Saladiner e altri leader organizzarono l'Agricultural Benevolent Society per aiutare gli immigrati appena arrivati, ma il gruppo sponsorizzò anche l'istruzione sugli ultimi metodi di coltivazione e conservazione del suolo.

Nel 1910 anche le contee adiacenti di Burleson e Robertson avevano un numero significativo di residenti italiani. Per la maggior parte, i terreni agricoli di questi primi arrivati ​​italiani sono stati mantenuti nelle mani della famiglia. Le cassette postali rurali riflettono nomi come Cotropia, De Stefano, Ferrara, Perrone, Restino, Varisco, Scardino e Salvato. I leader aziendali e civici a Bryan e Hearne includono anche persone con cognomi italiani. Ma l'identità culturale va poco oltre; la generazione più giovane non ha familiarità con la lingua italiana e non osserva le usanze del Vecchio Mondo. Non resta che la lealtà alla religione cattolica romana e la tradizionale cena a base di spaghetti della domenica.